Tag

, , ,


Articolo tratto da “Itinerari 1 – dal Borgomanerese al Cusio” di M.Borzini, A.Salvini, F.Valeggia

Oratorio di San Giulio

Oratorio di San Giulio

L’Oratorio di San Giulio è ubicato nei boschi tra la frazione di Opagliolo e la Punta di Casario.

Qui per secoli migliaia di pellegrini si sono recati a fare visita alla chiesa dedicata a San Giulio, il quale come narra la leggenda, prima di recarsi sull’Isola navigando sul suo mantello per fondare la centesima chiesa, si fermò in questa piccola valle per pregare Dio. Accanto alla chiesa si trova la fontana dall’acqua miracolosa che secondo la tradizione popolare aveva il potere di far guarire gli ammalati, ma anche, se cosparsa con fede sui campi, di scacciare la siccità oltre che le locuste ed altri insetti dannosi.

Nel 1573 e precisamente il 12 giugno di quell’anno, l’oratorio venne visitato da San Carlo Borromeo il quale volle di persona constatare il luogo e la fontana miracolosa e trasformò il piccolo oratorio in chiesa.
Nel 1702 venne costruito il viottolo lastricato che porta da Opagliolo verso la chiesa. Antistante l’oratorio c’é un portichetto che in passato risultava affrescato; internamente la chiesa si presenta con un’unica navata in fondo alla quale è posto l’altare sormontato da un affresco raffigurante la Madonna tra i Santi Giacomo e Filippo.
Purtroppo nel 1972 la chiesa si trovava in stato di semi abbandono, ma grazie all’intervento del parroco Don Giacomo Bagnati e alla popolazione locale, nel 1984 la chiesa venne riordinata e restaurata tornando così all’antico splendore.

Annunci