Tag

, , ,


a cura di Fabio Valeggia – Articolo tratto da “il Voltone” anno 2010 – num 1

La storia del Palio degli asini a Borgomanero è abbastanza nota: il primo palio si corse il 14 settembre 1975 nel quadro delle manifestazioni della sagra dell’uva. La gara ebbe però un esito assai deludente, la pioggia battente trasformò il campo in un pantano e alla fine, viste anche le numerose irregolarità commesse, il titolo non venne assegnato. Le prime quattro edizioni (fino al 1978) si svolsero sull’ex piazza dei divertimenti, l’attuale piazza Salvo d’Acquisto, all’epoca non lastricata. Successivamente la gara venne spostata presso il vecchio stadio di piazza Matteotti. Fino al 1981 il numero di giri da compiere era fissato in quattro giri, successivamente elevato a cinque in modo da raggiungere la distanza del miglio e mezzo.

Il palio fu sempre contraddistinto da una notevole mobilitazione di rioni e frazioni con fantini locali e veri e propri professionisti del settore fatti arrivare un po’ da tutta Italia e attirati dal ricco montepremi.

Quello che non si era forse scoperto fino ad ora, esce dagli archivi della SOMS di Borgomanero. Correva l’anno 1891 ed eravamo in agosto: in occasione della quarta festa commemorativa della fondazione della Società Operaia venne deciso “di bandire una corsa di Asini coi seguenti premi: 1° lire 30, 2° lire 20, 3° lire 10”. Insomma un precedente importante con un regolamento sicuramente curioso come riportato qui di seguito:

Regolamento per la corsa degli asini

Chiunque può concorrere alla corsa purché si uniformi a quanto viene dal presente regolamento stabilito.

1° Chi intende concorrere deve farsi inscrivere non più tardi di Giovedì 6 corrente.

2° L’Asino dovrà essere visitato da un’apposita Commissione per essere ammesso alle corse.

3° A Ciascun concorrente verrà consegnato un berretto alla fantina e un bastone, e in pari tempo sarà contrassegnato con un numero pari a quello dell’Asino.

4°Le Corse saranno divise in tre categorie; delle due prime sarà vincitore del premio £ 30 e £ 20 l’ultimo che arriverà alla meta. Della terza (Corsa di Consolazione) il vincitore del premio £ 10 sarà il primo che toccherà la meta fissata.

5° I Concorrenti delle due prime corse saranno estratti a sorte in modo che nessuno deve cavalcare il proprio asino, i primi estratti concorreranno alla prima corsa (premio £ 30) e i rimanenti alla seconda (premio £ 20). Alla terza corsa (premio £ 10) potranno concorrere tutti indistintamente.

6° I concorrenti non potranno essere più di dodici e ogni corsa sarà formata da sei concorrenti.

7° Ogni concorrente dovrà presentare il proprio asino colla briglia possibilmente Bianca, la coperta con cinghia per sella e alcuni ornamenti ossia nastri alle briglie e alla coda.

8° Tutti i concorrenti, dovranno trovarsi un’ora prima della fissata nel Palazzo ( delle …) per essere sottoposti ad una visita per poi sfilare colla musica alla testa pei corsi Garbali Via Roma e quindi Corso Cavour.

9° Il verdetto dato dalla Commissione sarà inappellabile.

10° Da l Direttore delle Corse potrà essere messo fuori concorso chiunque non ottemperasse a quanto sopra.

Il Comitato

NB: Sarà severamente vietato il maltrattare in qualsiasi modo l’asino che a ciascuno verrà consegnato, e sarà tenuto responsabile di qualunque cosa possa succedere.

Advertisements